Etichette

Ci vogliono cinque minuti, ma…


La storia era quella in cui don Camillo ricevette in canonica due “scomunicati”, amici del sindaco Peppone, che si volevano sposare. “Il matrimonio è una cosa che si fa in cinque minuti -li ammonì- ma dura tutta la vita”. Non è una burletta, insomma. Ogni tanto quella frase mi ritorna in mente. Era il 1996. Era una bellissima giornata e arrivai in Chiesa calmissimo e contentissimo, saltavo per la gioia, come anche mia moglie. Mi ricordo, come fosse adesso, il groppo alla gola quando pronunciavo quelle frasi del rito che il sacerdote ti mette davanti. “Io… accolgo te,…, come mia sposa. Con la grazia di Cristo prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita”. Le balbettai quelle parole. La promessa che stavo facendo era troppo grande e importante, e mi tremavano le gambe dalla commozione. La promessa era grande, ma la stavo facendo con la “grazia di Dio”! Stavo ricevendo un sacramento che ci avrebbe sostenuto per tutto il tempo della nostra vita. E poi i miei amici erano tutti lì con me e dal loro sguardo e dalle loro battute sussurrate dopo aver ricevuto quel sacramento, capivo che la storia che stavo iniziando non era cosa solo mia e di mia moglie, ma anche la loro. La preoccupazione era anche la loro. Da condividere con loro. E quella promessa, né io, né mia moglie l’abbiamo mai voluta contestare o rimangiare.

Certo, la convivenza quotidiana genera poi sempre problemi. La diversità di vedute, di carattere, di esperienze vissute prima, provoca liti anche spesso furiose. La prima litigata forte l’abbiamo avuta durante i primi giorni del viaggio di nozze, per una questione attinente il freno a mano della macchina che avevamo (peraltro manco nostra, ma presa a noleggio). E poi a casa: dal cassetto lasciato aperto, al come educare i figli, passando per i calzini lasciati per terra, fino ai modi di comportarsi stupidi e egoistici, oltre alla pentola antiaderente rigata. La convivenza matrimoniale spesso genera anche dispiaceri e dolori. Genera e genererà sempre tutto questo: è necessario che accada questo. Ma forti del sacramento ricevuto, del sostegno degli stessi amici di prima e dalla certezza che un matrimonio si fa in cinque minuti, ma dura tutta la vita (è per tutta la vita), mai abbiamo dubitato che la strada per risolvere le nostre liti, le sofferenze e i disaccordi, fosse il divorzio. Il matrimonio per noi è la strada che ci può portare alla santità, che Gesù ha voluto per noi chiamandoci a questo sacramento e a formare una famiglia. E dunque i figli. Quanto è importante che crescano avendo due genitori che, sì, litigano, si scannano e si insultano…, ma che mai mettono in dubbio il loro matrimonio, che sono sempre saldi su certi principi, pur nella loro debolezza. Che pur pieni di difetti e facendo tanti sbagli, hanno a cuore la loro felicità e la loro salvezza. E che, anche quando i figli saranno vecchi, saranno sempre un padre e una madre che li considerano ancora ragazzi da crescere bene, pronti anche a dar loro scapaccioni sulla zucca se occorresse.

Ma cosa c’è di più grave e importante di tutto questo? Come si fa a annullare un matrimonio per banali motivi di convivenza? Come si fa a dire a Nostro Signore non mi serve più il tuo santo aiuto: “riprenditi pure il tuo sacramento, io faccio come più mi pare e piace”. “Desidero questo, dunque lo faccio”.


Ma c’è ancora qualcuno che dice ai futuri sposi che il matrimonio non è una burletta e che “è una cosa che si fa in cinque minuti, ma dura tutta la vita”? Quante cose si dicono ai futuri sposi, ma non si evidenza minimamente questo fatto? Gli amici poi ci sono, li aiutano (oppure gli dicono “se lo senti, lascialo”)? I genitori -se ci sono- li sostengono umanamente? Oggi nessuno si vuole sposare perché nessuno pensa più a qualcosa che possa durate tutta la vita, a qualcosa che oltrepassi e limiti i propri comodi e i propri tornaconto. E se ci si sposa, il matrimonio viene al massimo considerato una burletta e basta pochissimo per farlo naufragare in breve tempo o per tradire il coniuge. E i figli si arrangino, divisi tra due genitori che si odiano e parlano male l’uno dell’altro. E lo vediamo il mondo come è diventato. Ma in tutto questo guazzabuglio chi può fare qualcosa di buono siamo noi cattolici. Ma solo se ci scomodiamo e non ci facciamo prendere dal politicamente corretto e dalle mode. L’unica nostra moda deve essere Gesù Cristo. E va raccontata.

Nessun commento:

Posta un commento

Fede e Vangelo

"La Chiesa tradisce il Vangelo se preferisce la politica a Dio" “Quanto più si occupa di politica lasciando da parte la realtà...