Etichette

Da anni tutto al collasso

Da qualche parte in Italia parte della popolazione sta reagendo per evitare l’ingresso dei clandestini nelle loro zone. E’ facile urlare al razzismo e all’ignoranza; ma è meno facile pensare che quella gente sa benissimo che il problema ora sarà tutto loro e che saranno abbandonati a se stessi. Il problema esiste da anni annorum e nessuno ha mai pensato a risolverlo. Nessuno, ovviamente, di quelli che stanno in alto e hanno tolto le scale. Facciamo allora un breve riassunto. Anni fa iniziarono gli albanesi. E fu la prima invasione. Arrivarono prima con navi stracariche di gente e poi coi gommoni nella notte. Arrivarono a migliaia e migliaia. Dopo poco tempo si capì che la convivenza non era facile con questa popolazione. In alcune parti gli albanesi soppiantarono la criminalità nostrana (che non è certo tra le più buone). Nessuno li fermò. Poi arrivarono i rom. Loro potevano entrare più legittimamente dei primi, per via di una legge europea e dell’ingresso della Romania nella CE. Ne arrivarono a migliaia e migliaia. Pure coi rom nacquero subito diversi problemi di convivenza. (Uno deve anche temere a dire queste cose per non essere tacciato di razzismo e finire in tribunale. Ma questa è la realtà dei fatti e essa anche se non è mai politicamente corretta, non è razzista). Va detto però, con sincerità: i problemi non furono con tutti indistintamente, vennero in Italia anche persone buonissime e eccezionali (e ne conosciamo tante personalmente). Ora è la volta dell’Africa. Sono arrivati e continuano a arrivare in Italia a migliaia e migliaia. Da anni annorum la situazione è stata prima descritta “al limite del collasso”, ora proprio “al collasso” e “insostenibile”. Ora gli scontri con la popolazione e le reazioni di chi si sente abbandonato da uno Stato che non sa cosa fare. Ma se non sa cosa fare, se non pensa al proprio popolo, se mette le tasse e basta, che Stato è?  

Facendo i conti: tre invasioni di popoli nel giro di pochi anni. Quasi delle migrazioni, incontrollate. Io non capisco nulla di politica e di economia, ma qualcosa di questa faccenda, mi sembra che non vada poi tanto bene. Non è normale. Mi pare. In tutti questi anni (circa trenta) abbiamo sentito tante parole, dibattiti anche accesi. Pochi fatti però (in trenta anni!): e questa, dobbiamo constatarlo, di nuovo e con amarezza, è la politica italiana. Si litiga e ci si scanna su tutto, la colpa è sempre del Primo ministro a prescindere se di destra o di sinistra, tutti hanno la soluzione del problema in mano (soprattutto in TV o su Twitter), ma tutti sembrano d’accordo silenziosamente a fare meno possibile per il popolo.  

Il popolo lo sa e ha paura e vorrebbe vedere che i suoi Rappresentanti intendono fare qualcosa, sono seri, almeno li vorrebbe vedere preoccupati (magari solo per finta), invece vede che parlano parlano, pensano a altro e se ne vanno a casa per il week end, già da venerdì. I politici ormai vivono quasi tutti in un altro mondo e stanno lontanissimi dal popolo e dalle sue esigenze. Si può sperare che possa cambiare questa mentalità e questa visione del mondo? Sì, ma non per legge, non per sentenza, non per imposizione, ma solo se qualcosa cambia nel cuore degli uomini. Di tutti gli uomini.
Il Pio


Nessun commento:

Posta un commento

Preghiera al beato Pier Giorgio Frassati

Preghiere al Beato Giorgio Frassati Beato Pier Giorgio, guidami nel pretendere la legittima eredità di figlio di Dio ed e...