Etichette

Cresce il radicalismo islamico e induista



Notizie lette e buttate là, nel calderone di internet…
«Secondo quanto riferisce l'Agenzia cattolica KNA, Mons. Schick ha spiegato che, specialmente nel nord della Nigeria, i cristiani soffrono gli effetti della violenza islamista, per gli attacchi a luoghi di culto, i rapimenti e le violenze brutali da parte del gruppo Boko Haram. Dal 2009, circa 20.000 persone sono state uccise dalla setta islamista. (L.M.) (Agenzia Fides 29/11/2017)»

«Oltre 215 milioni i cristiani perseguitati nel mondo, secondo l’organizzazione internazionale Porte Aperte, che ogni anno stila la lista ‘nera’ dei 50 Paesi - su un centinaio monitorati – dove i fedeli cristiani sono oppressi, vessati, discriminati, oggetto di abusi e violenze fino ad essere uccisi, condizionati nel privato e nella vita pubblica, a causa della loro fede religiosa… “Il numero dei fedeli perseguitati è in crescita - sottolinea con preoccupazione Cristian Nani, direttore in Italia di Porte Aperte - 1 cristiano su 12 nel mondo è infatti vittima di violenze o abusi. Oltre 15.500 chiese, case, negozi di cristiani sono stati attaccati, nel periodo compreso nel rapporto, tra novembre 2016 e ottobre 2017". Oppressione islamica e nazionalismi induista e buddista. “La fonte principale delle persecuzioni – prosegue il direttore di Porte Aperte -resta ‘l’oppressione islamica’, che va estendendo la sua morsa in varie aree. (vaticannews.va, Roberta Gisotti – Città del vaticano)

Nessun commento:

Posta un commento

Il "buon" Signor G.

In un altro post vi ho parlato del mio amico G., devotissimo a San Giuseppe, lo sposo della Madonna. Ora starà sicuramente in Paradiso,...