Etichette

Nella sua luridissima tana


Non so perché—misteri della psiche—ma mi è rivenuta in mente una scena di qualche anno fa. Era gennaio del 2014. Dalla finestra del Papa due bambini fanno volare le colombe della pace. Le quali appena fuori dalla finestra, sono state immediatamente artigliate da un uccellaccio. A quel corvaccio non interessava infatti se le colombe fossero per noi il Simbolo della Pace. Lui fa da sempre il suo mestiere: cattura la preda più debole e se la mangia.

Non solo quelle colombe, dunque, ma tutti noi dobbiamo scontrarci quotidianamente col male e con la cattiveria e non c’è verso per eliminarli, né per ridurre la loro potenza malvagia, anche se alziamo le bandiere della pace e facciamo i minuti di silenzio. C’è una lotta che non è mai terminata e terminerà solo con la fine dei tempi, una lotta con il potere delle tenebre, col demonio, pronto a aggredire chiunque è debole e isolato per portarlo nella sua luridissima tana, per sempre.

Il demonio, di cui nessuno oggi più parla, («perché sennò i giovani scappano»), a cui non crede più nessuno (nemmeno numerosi sacerdoti e vescovi), proprio per questo è ancora più forte e terribile di prima. E’ addirittura scatenato! E trova un numero impressionante di persone completamente disarmate e inconsapevoli di avere un nemico che li vuole portare all’inferno, nella sua luridissima tana. Permettetemi una battuta: oggi la frase evangelica «vade retro, Satana!» chiarissima e per tutti immediatamente comprensibile anche senza parafrasarla, non si traduce: «allontanati, vai via, arretra bestia immonda!...» ma: «vai dietro a me, Satana», la traduzione è correttissima, profonda è la spiegazione che se ne fa, ma resta sempre il fatto che, in guerra, al nemico non gli si dice di mettersi dietro le spalle. Non glielo si permette proprio.

Negli ultimi tempi qualcuno ha anche voluto togliere la spada alla statua di San Michele Arcangelo (!), perché era un’immagine troppo violenta e dunque poco pacifica (o meglio pacifista) (pensate un po’ a che livello siamo arrivati).

«Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro cercando chi divorare, resistetegli saldi nella fede (1 Pietro)». La fede ci salva e fuori dalla Chiesa non c’è salvezza. Bisogna stare attaccati a essa e—tramite Essa—a Gesù. Bisogna che tutti sappiano che siamo in guerra col peggiore dei nemici. E poi Gesù diceva che dobbiamo, sì, essere puri come le colombe, ma anche scaltri come i serpenti. Essere solo colombe comporta che prima o poi il corvaccio maledetto ci porti nella sua luridissima tana. Per sempre.


Il Pio

Nessun commento:

Posta un commento

Preghiera al beato Pier Giorgio Frassati

Preghiere al Beato Giorgio Frassati Beato Pier Giorgio, guidami nel pretendere la legittima eredità di figlio di Dio ed e...