Etichette

E’ il primo di tutti



E’ il primo dei dieci Comandamenti. «Non avrai altro Dio fuori di me». Del Dio di Gesù, e poi di San Pietro e San Paolo, fino al bambino nato oggi; del Dio Uno e Trino. Del Nostro Dio. Anche Suo figlio lo ribadisce con estrema chiarezza (era Dio Lui stesso). «"Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?". Gli rispose: "Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti" (Mt.22, 36-40)». In un periodo in cui non sentiamo altro che parlare di Dialogo e Aperture con tutte le altre Religioni (e purtroppo anche col mondo!), come il prius della nostra fede in questo momento, mi vengono sempre in mente quei due punti fermi, essenziali e irrinunciabili, della nostra fede. “Non avrai altro Dio fuori di me” e “amerai il Signore tuo Dio…”. Unico Dio, Tuo Dio. Schiere di Santi e di Martiri avevano questa chiarezza, ogni giorno, nel loro cuore. Molti di loro sono morti in maniera tremenda pur di non dichiarare il contrario. No, non si può dire, non si può far pensare al popolo che ogni religione è uguale all'altra e che è tutto uguale: che senso avrebbe la venuta di Gesù, la sua morte in croce e resurrezione, se tutto deve rimanere come prima? E poi lasciamo perdere i discorsi sapienti e giusti, tipo «ma se una nasce nella più profonda e sperduta foresta africana non può essere cattolico e quindi come la mettiamo…?». Quindi Gesù ce l’ha detto duemila anni fa che le Sue parole non sono comprese dai sapienti e dagli intelligenti, dunque stiamo attenti a quello che essi dicono perché non capiscono per la loro voluta testardaggine, vanità e presunzione e fanno discorsi saggi e evoluti, solo per affermare la loro superiore intelligenza, amano solo se stessi e la loro sapienza, non certamente Dio o il prossimo: non li ascoltiamo, anche se attizzano la nostra mente. Perché mai gente importante come San Francesco Saverio è andata in missione fino alla sua morte e insieme a lui, fino a oggi, migliaia e migliaia di missionari hanno seguito la sua stessa strada? Per far conoscere a quella povera gente il vero e unico Dio, a costo della propria vita; poi ognuno di quelli farà quello che vuole: li potranno sgozzare o li potranno ascoltare e seguire. Gesù ci ha chiesto infatti di portare a tutti la Buona Novella. Perchè c’è un solo Dio: quello che Gesù ha spiegato a tutti, essendo Lui stesso quel Dio, e per non lasciarci da soli dopo la Sua morte ci ha inviato lo Spirito Santo perché avessimo la grazia per fare quello che Lui vuole. E dunque solo questo Dio, Uno ed Trino, dobbiamo pregare, amare, seguire, solo per Lui dobbiamo vivere e morire.

Il Pio


Nessun commento:

Posta un commento

Fede e Vangelo

"La Chiesa tradisce il Vangelo se preferisce la politica a Dio" “Quanto più si occupa di politica lasciando da parte la realtà...