Etichette

Vento e Tradizione.


Ultimamente mi è capitato di leggere che oggi finalmente, nella chiesa "soffia un vento di novità”. A pelle questa definizione non mi è piaciuta per niente. Poi, più ci pensavo e più quella sensazione di mal di stomaco si consolidava e al tempo stesso, mi metteva in allerta. Partiamo dal concetto di “vento”. Nel Vangelo si legge “il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va… (Giovanni 3,8)”. Sappiamo di dove viene questo nuovo vento e soprattutto dove va, dove ci porta, cioè? Viene da Dio o dal demonio? Ci porta a Dio o al demonio? E poi il concetto di “novità”. Novità è qualcosa che è arrivata adesso, prima non c'era, dunque sono sconosciute le sue origini e il suo destino. Ci fidiamo? Inoltre il termine in sé significa poco: una novità, infatti, può essere buona o è cattiva? Le notizie che leggiamo ad esempio, sono o buone o cattive (spesso, per come va il mondo, sono cattive). Noi cattolici abbiamo sempre seguito (fino a pochi decenni fa) una solidissima Tradizione lunga duemila anni: questa non ha mai ingannato nessuno ed è sempre andata bene per tutti. Se è andata bene per i nostri nonni e per i nonni dei nonni dei nostri nonni, sicuramente potrà andare bene anche per noi.

Il Pio

Nessun commento:

Posta un commento

La festa dell'incontro non il Natale.

Per capire come stiamo messi, purtroppo basta poco: tante ne fanno e tante dicono ogni giorno. Oramai è certo, siamo destinati a essere sogg...