Etichette

Dimenticanza e Potere


La Messa nella notte di Pasqua l’ho passata a Norcia, dai monaci, in una baracca di legno. Per arrivarci abbiamo dovuto fare un lungo giro e quella distanza che prima si faceva in un’ora, adesso si fa in due. Tutto se non è completamente crollato, quanto meno è inagibile o pericoloso. Dalla strada si vedevano quei paesi, un tempo allegramente incastonati sulla montagna e bellissimi nelle sue illogiche linee medievali e che tante volte si erano visitati, ora divenute un cumulo di macerie. E questo mette addosso tanta tristezza. Soprattutto al pensiero che sotto quelle macerie ci sono stati i morti e che i vivi che sono scampati alla furia devastante del terremoto, hanno perso tutto. La prima idea che viene in mente passando lungo la strada, è una preghiera “Signore preservaci dai terremoti. Fa’ che mai possa succedere anche a noi”. Poi è immediata la seconda: “Signore aiuta tutti i terremotati, stai loro vicino”.

Quello che si sa dalle parti nostre, è che poco o nulla è stato fatto in quei luoghi. E qui deve venire in mente una conclusione nella nostra mente. La forza del Potere e della Politica è soprattutto nella dimenticanza del popolo. il popolo si scorda tutto, ma proprio tutto. E i politici possono dire e disdire quello che vogliono nel tempo di un battito di ciglia. Dopo la prima devastante scossa di terremoto, a esempio, a agosto scorso, subito le più alte cariche dello Stato hanno detto che tutto sarebbe stato risolto in poco tempo. Poi probabilmente ci sono state questioni ben più importanti di questa. E’ ovvio.


La forza dei politici è nella dimenticanza del popolo, ma anche nel fatto che gran parte di questo, se non tutto, pensa che ogni cosa può essere risolta solamente dai politici e dalla politica e pertanto si accanisce e si infervora per essi o per essa. Tutti sono convinti che basta cambiare una persona al Governo e tutto funzionerebbe a meraviglia. E tutti sono anche convinti che gli attuali leader siano davvero diversi uno dall’altro e ognuno di loro abbia una propria idea, ferma e giusta, diversa dall’altro. Purtroppo non ci dovremo dimenticare che al potere sono andati tutti e che poco o nulla è mai cambiato in Italia (da decenni!). Il consenso: questo è ciò che conta in politica e ogni politico questo solo cerca. Il potere: questo è la seconda cosa che fa muovere il politico doc. Il popolo a loro serve solo perché va a votare e gli permette di avere una poltrona, ma poi ognuno a casa sua. A chi interessa davvero il bene della gente e dell’Italia? Purtroppo il discorso finisce qui. Ma noi siamo ancora sicuri che basta che vada su il sig…

La politica è un sistema che si autorigenera, sempre uguale a se stesso, non ci saranno mai cambiamenti (in bene). In Italia è così, forse all’estero è diverso, forse un giorno cambierà, ma non facciamoci illusioni. Infine. La politica comunque non ci salverà. La nostra speranza può venire solo da Gesù Cristo e dalle Opere che il Suo Spirito ci convince a fare, con la Sua simpatia e inventiva.

Il Pio

Nessun commento:

Posta un commento

Il "buon" Signor G.

In un altro post vi ho parlato del mio amico G., devotissimo a San Giuseppe, lo sposo della Madonna. Ora starà sicuramente in Paradiso,...