Etichette

Le domande corrono in profondità


« Quand’ero giovane, la vita mi sembrava così meravigliosa,
un miracolo, oh era così bella, magica
e tutti gli uccelli sugli alberi, ebbene cantavano così
felicemente, gioiosamente, scherzosamente mi guardavano
Poi loro mi mandarono via per insegnarmi come essere sensibile, logico, responsabile, pratico
E mi mostrarono un mondo in cui potevo essere così
affidabile, obiettivo, intellettuale, cinico
Ci sono volte in cui tutto il mondo è addormentato
le domande corrono troppo in profondità
per un uomo così semplice. 
Vi dispiacerebbe, per favore, dirmi cosa abbiamo imparato?
So che può sembrare strano
Ma per favore ditemi chi sono
Ora sta’ attento a quello che dici o ti chiameranno
radicale, liberale, fanatico, criminale
Potresti scrivere il tuo nome? ci piacerebbe sapere se sei
accettabile, rispettabile, presentabile, un vegetale!
Di notte, quando tutto il mondo è addormentato
le domande corrono in profondità
per un uomo così semplice
Vi dispiacerebbe, per favore, dirmi cosa abbiamo imparato?
So che può sembrare assurdo
ma per favore ditemi chi sono ».

E’ la traduzione a braccio di una vecchia canzone dei Supertramp “The logical song” cioè “Una canzone logica”. Le domande vere —dice il cantante— quelle dunque che ogni cuore, di ogni uomo ha incise, corrono sempre in profondità. Cioè ci sono sempre, per tutta la vita e corrono vorticosamente, come un fiume sotterraneo, mentre sopra tutto è tranquillo; e solo di notte, quando tutto tace, quando siamo da soli nella nostra stanza, onesti e senza maschere, esse spesso affiorano. Sono domande che ci fanno davvero uomini e ci differenziano dalle bestie. Di giorno solitamente esse non si sentono (o talvolta non si vogliono sentire). C’è poi tanto rumore, e comunque ognuno è stato educato sin da piccolo a essere « sensibile, logico, responsabile, pratico » e anche « affidabile, obiettivo, intellettuale, cinico ». Ma le nostre care domande ci sono sempre e corrono in profondità in un cuore di « un uomo così semplice » che non è di pietra, ma di carne e messo in un corpo fatto “a immagine e somiglianza di Dio”. « Chi sono? », « Dove devo andare? », « Che devo fare? »... L’esigenza di una risposta urge nel nostro cuore, ma siamo portati a non cercare mai la risposta, perché forse ci spaventa ascoltarla e così viviamo dimentichi, superficiali, ma « obiettivi, intellettuali e cinici »  cercando distrazioni, qualcosa o qualcuno che non ce le fa sentire. Ma nel silenzio “le domande corrono in profondità” e si sentono da lontano. Solo Chi ci ha fatto, Chi ha fatto un cuore così profondo e le ha incise come sul marmo, può dare una risposta vera e sicura a quelle domande profonde. Solo cercando Dio, seguendolo nella Chiesa, la risposta la possiamo trovare.    
 Il Pio

Nessun commento:

Posta un commento

Scrupoli e malinconia.

  Scrupoli e malinconia, fuori di casa mia. Fratelli, quando cominciamo a essere buoni? Non è tempo di dormire perché il Paradiso non è fatt...