Etichette

Facciamo gli scorretti e parliamo di indissolubilità del matrimonio.



La storia è storia. “Carta canta”, potremmo dire “e villan dorme”. Dunque non facciamo i villani e stiamo desti. Oggi è pericoloso dormire. Se non stiamo desti, il Mondo ci rigira come una frittella, ci cuoce a puntino e ci si mangia con tutti i panni. Il matrimonio, allora. “Cos’è il matrimonio?” l’avevo chiesto tempo fa a una collega perché eravamo entrati in argomento. “Una specie di contratto” mi disse dopo averci pensato un po’. “Per te. Per me è invece un sacramento”.

E ora succede che laici fedeli, sacerdoti e diversi vescovi vorrebbero che il matrimonio cattolico fosse messo in discussione, ma nelle fondamenta. Cioè vorrebbero modificare qualcosa, togliere qualche paletto, qualche regola,… per adeguarlo al mondo di oggi. Perché? Boh.

Eppure ogni anno di ogni secolo della storia c’è stato un “mondo di oggi”. Ogni uomo ha e ha avuto il suo “mondo di oggi”. Che è sempre diverso dal mondo di ieri. E in questa folle corsa per essere fermi modernamente all’oggi, che domani però cambierà in quanto ci sarà un nuovo oggi, si rischia di perdere la strada (e forse anche il senno). Se non ci sono paletti fissi e cartelli fermi e immutabili, il rischio resta sempre altissimo.

Ad esempio. Anche Tommaso Moro aveva il suo “mondo di oggi”. San Tommaso Moro. Parliamo dunque del periodo tra il 7 febbraio 1478 (quando nasce)  e il 6 luglio 1535 (quando muore, ma non perché era malato, ma perchè gli hanno tagliato la testa). In quel “mondo di oggi” -di allora- lui era amico e fedele del potentissimo Re d’Inghilterra, Enrico VIII che tra l’altro lo stimava tanto e lo aveva nominato addirittura Lord Cancelliere, cioè messo al vertice dell’ordinamento giudiziario. Un posto altissimo e ambitissimo. Poi Enrico VIII (che era stato dichiarato poco prima addirittura  defensor fidei dal Papa) ripudia la moglie e sposa Anna Bolena. La Chiesa non accetta questa situazione (cioè non si adegua, né si apre alle esigenze del mondo “di oggi”, quello del 1500). Così il Re (modernamente) stacca da Roma la “sua” Chiesa inglese e si proclama unico capo. Tommaso Moro, da buon cattolico (all’antica), non può accettare quel divorzio e la supremazia del Re nelle cose di fede. Che fa? Resta cattolico, appunto. Lo pensa, lo dice. Perde il posto e si lascia condannare a morte senza piegarsi. Fu ammazzato per aver difeso l’indissolubilità del matrimonio e rimanere fedele al Papa. Dare la vita per questo motivo potrebbe far venire in mente a molti cattolici di oggi (se desti) che queste faccende siano abbastanza importanti. La vita è sempre la vita, sia nel 1500 sia nel 2015. Dispiace sempre darla via, in anticipo. A meno che non ci sia qualcosa di più grande della vita, prima e un destino eterno, dopo.

(Stiamo parlando del matrimonio cattolico ovviamente. Che è -appunto- un sacramento e come tale è indissolubile. E il matrimonio cattolico non è obbligatorio… chi non vuole questa gravità, non si sposi in Chiesa).

D’altra parte Gesù è stato chiarissimo sul punto L'uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto. (…) Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio contro di lei; se la donna ripudia il marito e ne sposa un altro, commette adulterio (Marco, 10, 9-12).

Si capisce ora?

Nessun commento:

Posta un commento

"Credo più alla Provvidenza che all'esistenza di Torino"

 " Io ho fede nella Scienza. Bisogna credere nella Scienza...". Questa frase non l'ho sentita in TV. L'ho sentita (purtrop...