Etichette

Proprio in un mondo come questo


Entusiasmo, entusiasmo… 
Una parola bella, che rivela un elemento bello della vita. L’entusiasmo. Elemento desiderabilissimo da tutti . Molti pensano che esso dipenda solo dal carattere o da altri fattori come avere o meno i soldi o altro di tangibile. E dunque: chi sì e chi no. No. Alcuni anni fa Mons. Giancarlo Vecerrica , vescovo di Fabriano Matelica, disse una frase mi è rimasta da allora fissa nel cuore: “l’entusiasmo non è dei giovani, ma degli adulti”. Uno invece ritiene giusto il contrario: l’entusiasmo è dei giovani. Ma pensiamoci un attimo. Il giovane dovrebbe essere naturalmente entusiasta solo per via dell’età che ha e la vita intera davanti, dunque per fatti esterni a lui che non dipendono da lui; e così, passata l’età, passerebbe naturalmente anche l’entusiasmo. Tuttavia appaiono facilmente schiere di giovani e giovanissimi tristi profondamente e tutt’altro che entusiasti (anche se ridono sonoramente sempre). Schiere di giovani che per divertirsi a ritmi elevati devono prendere pasticche, alcool e droga. E i conti allora non tornano. I giovani infatti possono essere entusiasti solo se vedono vicino a loro degli adulti entusiasti. Se hanno intorno gente triste, senza senso e senza speranza, saranno tristi pure loro. Il giovane guarda naturalmente l’adulto, memore che da bambino guardava sempre il padre per capire la realtà e come si deve vivere in essa. Se l’adulto (o il padre) “non si può guardare”, lo sguardo sarà rivolto altrove. Naturalmente.

Un giovane è dunque senza entusiasmo perché intorno a lui girano adulti senza speranza, tristi e soprattutto adulti non cristiani. Adulti borghesi il cui il più grande ideale è la tranquillità della vita. (“Tranquillità” però che mai coincide con “letizia” che è il modo in cui vivono, di solito, i cristiani).

Sì, va bene, poi il solito amico del bar, nei soliti discorsi da bar, ti viene a dire “ma come si fa a essere entusiasti in un mondo come questo? Prima sì, oggi no. C’è questo, c’è quell’altro, le tasse, i soldi, il Governo, la suocera,…”. Appunto, se uno appartiene a un mondo come questo, a “questo” mondo, non lo potrà mai essere. E’ naturale.

L’entusiasmo, come la felicità, non la può dare il mondo. Se uno vive in questo mondo, ma appartiene a Gesù il discorso cambia o per lo meno ci sono ottime possibilità che esso cambi. Noi cristiani infatti sappiamo da sempre che non dobbiamo essere “del”, ma “nel” mondo.  

E c’è anche l’aspetto etimologico. “Entusiasmo” è una parola greca formata da en (in) con theòs (Dio) e significa "essere in Dio". Uno è entusiasta dunque se sta sempre vicino a Gesù e se si allontana da Lui, difficilmente lo potrà essere, quasi come una reazione naturale. Si può essere senza entusiasmo perché non si è incontrato davvero Gesù Cristo o non lo si è fatto entrare nella nostra vita. O quando si vuole tenere in tasca una “monetina” del mondo, come una sorta di ruota di scorta, come una via di fuga qualora la vita insieme a Gesù fosse una “fregatura” come molti dicono. Ma a Gesù o si dà tutto (compresa l’ultima “monetina”) o non si dà nulla. Il discorso è semplicemente questo. Naturalmente. 

(La foto che vedete in alto è quella di alcuni soldati, tra loro nemici, che a Natale 1914, durante la guerra, sono usciti dalle trincee e si sono dati gli auguri e giocato a pallone). 

Nessun commento:

Posta un commento

"Credo più alla Provvidenza che all'esistenza di Torino"

 " Io ho fede nella Scienza. Bisogna credere nella Scienza...". Questa frase non l'ho sentita in TV. L'ho sentita (purtrop...