Etichette

Pier Giorgio Frassati / 7

« Oggi sono stato alla sepoltura di un laureato di lettere corrispondente della 'Nazione' di Torino. E morto di etisia all'ospedale san Luigi e oggi l'ho visto prima che lo mettessero nella cassa. Era in uno stato compassionevole; non ho potuto fermarmi che due minuti dentro la camera, perché era già quasi decomposto e quindi non conveniva stare di più. Però questa vista è stata per me salutare. Ho riflettuto e ho pensato che anch'io fra qualche anno sarò in quello stato; desterò anch'io il senso di compassione misto a quello di ribrezzo; e pure alle volte sono stato ambizioso...
Ma come prepararsi al grande Trapasso e quando? Siccome uno non sa quando la Morte verrà a prenderlo, è grande prudenza ogni giorno prepararsi per morire lo stesso giorno; quindi d'ora in poi cercherò di fare tutti i giorni una piccola preparazione per la morte, per non dovere trovarmi impreparato in punto di morte e dovere rimpiangere gli anni belli della gioventù sprecati dal lato spirituale ».
(Luciana Frassati, Pier Giorgio Frassati, Lettere (1906-1925), Vita e Pensiero, Milano, 1995)

Nessun commento:

Posta un commento

Brutto per essere brutto

  Questa potrebbe chiamarsi l'epoca del brutto più brutto che più brutto non si può. Nella città dove lavoro, ad esempio, c'è una ro...