Etichette

« Chi è Dio? »



Nel 1995 avevamo invitato una persona a fare una conferenza sul beato Pier Giorgio Frassati. La conferenza andò benissimo. Ma il fatto è che —dopo venti anni— mi sono ricordato di un’altra cosa che vi voglio raccontare. Quel conferenziere iniziò facendo a tutti una domanda. «Chi è Dio?». In platea c’erano circa duecento persone: un 95% erano giovani, diplomati, universitari, laureati e lavoratori, oltre a un buon numero di responsabili di Movimenti ecclesiali e un 5% era composto da nonne. Il 95% dei presenti non seppe rispondere assolutamente nulla, nemmeno a balbettare qualche concetto e restò muto, sapendo di non sapere. Le nonne, poco meno di una decina, intruppate tutte su una fila centrale,  con la loro borsetta sulle gambe, dissero tutte insieme, a voce alta e senza esitare «Dio è l’essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra». Cioè quello che insegnava il Catechismo di San Pio X. Le nonne, dopo più di cinquant’anni dal giorno in cui avevano finito di andare a catechismo, se lo ricordavano bene e se avesse fatto altre domande, la risposta sarebbe arrivata fulminea. I giovanotti “istruiti” non sapevano invece nulla. Mi capitò di fare una domanda a dei ragazzi su cosa significasse “epifania” e che significato avesse la festa del 6 gennaio. La risposta quasi corale fu che la parola deriva da “befana”.  Con una ragazza fresca fresca di prima comunione  il discorso per caso cadde sui Dieci comandamenti: non ne sapeva minimamente l’esistenza, non ne aveva mai sentito parlare. Che dire dunque? Nulla. I lettori di questo post traggano le considerazioni che la loro coscienza gli consiglia. Io per conto mio sto leggendo il Catechismo di San Pio X e sto scoprendo —anzi, conoscendo— tante belle cose della nostra Fede.

Si deve conoscere molto bene la nostra fede, altrimenti tutto diventa opinabile e discutibile e l’eresia, anzichè qualcosa da non seguire assolutamente e da combattere, diventa solo un modo democratico di vedere diversamente la stessa cosa e il corollario modernissimo e attualissimo è subito fatto: «le idee vanno rispettate tutte!» (E perché? Ve lo siete mai chiesto? La persona va rispettata, non le…). Nulla delle fede deve essere opinabile o discutibile, né deciso democraticamente. La Chiesa deve conservare il Depositum fidei lasciato da Gesù. E la fede, fondata —appunto— su quel Depositum fidei, è quella faccenda che ci salverà l’anima e ci farà vivere bene; e se ciò è giusto, allora essa deve essere chiara e senza possibilità di dubbi. E’ bene fissare nella nostra mente le fondamenta della fede perché così uno ce l’ha sempre a riferimento per distinguere il bianco dal nero.

«Per quale fine Dio ci ha creato?». «Dio ci ha creato per conoscerlo, amarlo, e servirlo in questa vita e per goderlo poi nell’altra in Paradiso». «Chi merita il Paradiso?». «Merita il Paradiso chi è buono, ossia chi ama e serve fedelmente Dio e muore nella sua grazia». «Quali danni cagionò il peccato di Adamo?». «Il peccato di Adamo spogliò lui e tutti gli uomini della Grazia e d’ogni altro dono soprannaturale, rendendoli soggetti al peccato, al demonio, alla morte, all’ignoranza, alle cattive inclinazioni e a ogni altra miseria e escludendoli dal Paradiso». Eccetera, eccetera. 

Nessun commento:

Posta un commento

"Credo più alla Provvidenza che all'esistenza di Torino"

 " Io ho fede nella Scienza. Bisogna credere nella Scienza...". Questa frase non l'ho sentita in TV. L'ho sentita (purtrop...