Etichette

Dio ha bisogno degli uomini

Nel 1950 usciva un film intitolato “Dio ha bisogno degli uomini”, non essendo nato in quegli anni, ho visto quel film diverso tempo fa e non è che ci ho capito tanto. Ma quel titolo faceva discutere: « non è Dio a aver bisogno degli uomini, ma il contrario esatto, è l’uomo che ha bisogno di Dio  » si diceva. Il film non mi era piaciuto, ma il titolo sì, perché mi faceva pensare e non è mi è mai sembrato sbagliato, così a sensazione; invece mi sembrava solo retorica, un po’ clericale, la frase contraria. Il titolo mi faceva riflettere, il contrario era invece una cosa scontata e non mi faceva pensare a nulla. Certo. L’uomo ha bisogno di Dio è vero. Non si discute. Se lo capissimo tutti, staremmo molto meglio. Ma in quel titolo c’era un barlume di verità che coglievo solamente, ma non mi spiegavo. Questo titolo mi è ritornato in mente (dall’angolo recondito del cervello di cui abbiamo parlato un po’ di tempo fa) oggi a messa. Al Vangelo si leggeva la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Gesù poteva sfamare tutti con niente, aveva già fatto tanti miracoli da niente. Però, quella volta, da grande educatore quale è, ha avuto bisogno che qualcuno liberamente gli portasse un po’ di pane e un po’ di pesci (tutto quello che aveva a disposizione per sé e la propria famiglia) e che qualcun altro poi con fede iniziasse la pazzia di distribuire (quei cinque pezzi di pane a oltre cinquemila persone affamate). Follia, che però nel campo di Dio spesso è santità, costruttrice di opere straordinarie, piccole o grandi che siano. In poche parole, ecco il concetto che mi mancava, dare tutto a Dio e vivere tutta la vita con Fede. Dio spesso ha bisogno della piena collaborazione degli uomini per operare il bene e per fare delle opere. Ha bisogno di tutto quello che siamo e della nostra Fede. E noi allora dobbiamo cooperare con Lui per realizzare il Regno suo. Ogni mattina dobbiamo svegliarci con l’idea di dover collaborare con Dio per realizzare il suo Regno. Per renderci uomini e per salvarci Dio ha bisogno della nostra piena collaborazione. Vuole tutto di noi non gli basta il 50%, o il 90% di noi stessi. Degli strumenti consapevoli di esserlo, non invece delle marionette oppure dei manager indipendenti, vuole avere sotto di sè. E se oggi vediamo che c’è poco bene nel mondo e che solo i cattivi e la cattiveria progrediscono, forse dobbiamo pensare a quanto scarsi siamo, a quanto poca fede abbiamo e quanta poca collaborazione Gli diamo. Forse dovremmo smetterla di assecondare il mondo, di lamentarci sempre e di collaborare invece con Nostro Signore, mettendo, come il giovinetto dell’odierno Vangelo, tutto quello che abbiamo a Sua disposizione, tutto, senza lasciare in tasca un pezzo di pane per la sicurezza di noi stessi, senza paura di restare “fregati” o di perdere tutto quello che abbiamo. Gesù ci promette il centuplo quaggiù e la salvezza eterna (e un po’ di persecuzioni).
Il Pio


Nessun commento:

Posta un commento

Scrupoli e malinconia.

  Scrupoli e malinconia, fuori di casa mia. Fratelli, quando cominciamo a essere buoni? Non è tempo di dormire perché il Paradiso non è fatt...