Etichette

Dobbiamo collaborare.



Pensateci un attimo. Crediamo veramente che Dio nel Paradiso terrestre che aveva creato tutto dal nulla, compresi sole, stelle, oceani e montagne, non sapesse creare anche la donna, senza necessità di prendere un pezzo del fianco (la costola) di Adamo? E Gesù che faceva risorgere i morti sepolti, cacciava i demoni da dentro le persone, ridava la vista ai ciechi, per fare la moltiplicazione dei pani e dei pesci, doveva per forza prenderli in prestito da un giovanotto? E infine, doveva morire per forza straziato dal dolore senza poterci mettere in testa miracolosamente la Buona novella e farci automaticamente tutti buoni? Ogni volta che leggo questi luoghi del Vangelo penso sempre che Dio con noi usa un un ottimo metodo educativo. D'altra parte ci è padre. E come diceva Peguy, Lui vuole che li guadagniamo da noi gli speroni da cavaliere. Per farci crescere, per ottenere delle grazie... vuole la nostra totale collaborazione. Vuole che gli diamo tutto, tutta la nostra vita. Il ragazzetto della moltiplicazione aveva solo quei pani e quei pesci e tra l'altro li aveva portati solo per lui, ma spontaneamente ha dato tutto agli amici di Gesù. E poi scusate, Dio prima di incarnarsi in Maria non Le ha voluto chiedere umilmente se voleva accoglierLo. 
Dio vuole che scommettiamo tutto quello che abbiamo su di Lui, che investiamo tutto su di Lui. Vuole che facciamo anche qualche sacrificio per Lui. Vuole che non ci tratteniamo "per sicurezza" una quota del nostro capitale in tasca. Lui vuole anche che vediamo che i miracoli li fa e non è facile risorgere dopo tre giorni che si è morti e continuare a fare miracoli. E se è risorto Lui, anche noi con Lui vinceremo la morte definitiva e spaventosa. Dunque se Dio ragiona così conviene adeguarci a questo metodo. E guarda caso "metodo" deriva dal greco antico e letteralmente significa «l'andar dietro; via per giungere a un determinato luogo o scopo».

Il Pio

Nessun commento:

Posta un commento

Normale.

C'era un ragazzo che quando lo incontravi e gli chiedevi "come stai?" ti rispondeva sempre "normale". Mi stupiva que...