Etichette

In nome del popolo italiano / 2


Nel post precedente ho scritto di quello che dicono i ministri nel giuramento e poi le sentenze che iniziano sempre con "in nome del popolo italiano" e della sovranità del popolo e del Parlamento che solo lo deve rappresentare. Tutto questo,  però per quanto io sia innamorato della "mia" Italia che non cambierei nemmeno con gli Stati ipercivili e iperorganizzati, mi intristisce. Mi intristisce perché non ce la faremo mai a cambiare la classe dirigente e politica italiana: essa misteriosamente si rigenera sempre da se stessa e fagocita quelli  che hanno un po' di buona volontà. Cambiano le persone, ma la musica é sempre identica, stonata, rumorosa. E l'esperienza è tassativa sul punto. Ogni popolo ha il governo che si merita,  si dice... bah non ne sono tanto convinto. Per niente. Mi verrebbe da consigliare: smettiamola di puntellare il potere, (rispettando sempre le leggi e pagando le tasse di Cesare) pensiamo di fare un mondo più buono, e facciamo di tutto per salvare l'anima nostra

Il Pio

Nessun commento:

Posta un commento

Scrupoli e malinconia.

  Scrupoli e malinconia, fuori di casa mia. Fratelli, quando cominciamo a essere buoni? Non è tempo di dormire perché il Paradiso non è fatt...